Promuovere la propria attività tramite Google Places

Il modo di cercare informazioni, farsi trovare, condividere e navigare in rete sta vivendo una nuova rivoluzione, complice anche l’inarrestabile diffusione degli smart-phone e tablet.

Più del 60% delle attività sul web è correlata a contenuti geo-referenziati (ovvero ricerche in cui si inserisce un riferimento geografico, indicando un paese, città, cap, …) e più della metà dei clienti trova prodotti e servizi utilizzando la ricerca locale.

Il punto di riferimento è Google che sta ottimizzando l’applicazione fondamentale per una geo-localizzazione più efficace: la scheda aziendale di Google Places.

In pochi anni le persone hanno accantonato pagine gialle e guide cartacee per far spazio all’abitudine di cercare nel web informazioni locali, digitando sui motori di ricerca il nome dell’azienda, del servizio, o del prodotto a cui sono interessati insieme al luogo dove lo cercano. Così come per esempio, il primo passo di ogni turista è infatti quello di digitare le parole Hotel (o altra attività) + Nome Località e, risultati alla mano, partire nell’organizzazione del viaggio.

I risultati di Google Places con la relativa mappa, vengono posizionati in testa alla pagina di ricera e garantiscono quindi un’altissima visibilità, creando un filo diretto con il proprio sito.

Una scheda ben configurata presenta infatti:

  • la mappa
  • il link al proprio sito
  • i recapiti
  • gli orari di apertura
  • gli indirizzi
  • la descrizione delle attività/prodotti e delle offerte
  • un aggregatore di recensioni
  • un indicatore di gradimento con l’utilizzo delle stelle

Per completare il processo di informazione la scheda dispone anche, per hotel, agriturismi e b&b, di un aggregatore di prezzi delle camere provenienti da diverse piattaforme (Expedia, Venere, Booking.com,…).

Si possono infine vedere le statistiche di tutte le visite ricevute sulla propria scheda con il dettaglio di come essa è stata trovata e con quali parole.

Qui di seguito due esempi di ricerca per la città di Alba:

Come creare una propria scheda su Google Places

Per usufruire dei servizi di Google bisogna avere un account Google. In proposito dovresti già esserne fornito, in quanto le statistiche di monitoraggio del sito sono state attivate con il sevizio di google analytics. In caso contrario utilizza il box a fondo pagina “Cosa ne pensi” per chiedere informazioni in merito, o vai qui per crearne uno.

Una volta effettuato l’acceso su Google si può creare la propria scheda andando sulla pagina dedicata a Google Places.

Successivamente verrà chiesto di inserire i dettagli della propria attività. Più informazioni vengono scritte , più la propria scheda sarà completa e offrirà un miglior servizio al navigatore.

Infine si devono convalidare le informazioni in modo che Google si assicuri di dare in gestione la scheda all’effettivo titolare dell’attività. Questa procedura avviene tramite telefono (comodo e immediato) o tramite Posta (Google vi spedirà una lettera con un codice di verifica).

L’iscrizione e la gestione è completamente gratuita.

8 consigli per una configurazione ottimale

  1. Il nome dell’account deve richiamare il nome della propria attività
  2. Assicurarsi di aver inserito correttamente e in ogni dettaglio i dati descrittivi della propria attività.
  3. Utilizzare correttamente le categorie di business (se ne possono utilizzare al massimo 5)
  4. La descrizione della propria attività deve essere di 200 caratteri: è essenziale utilizzare al meglio le parole chiave ed essere persuasivi.In proposito è consigliabile l’uso della lingua inglese perchè nel processo di navigare in rete è molto più probabile incontrare persone che conoscono l’inglese rispetto all’italiano. E’ un fatto puramente statistico. Ciò ovviamente non vale se ci si riferisce ad una clientela sclusivamente italiana.
  5. Inserire fotografie e video
  6. Se siete una struttura ricettivo-alberghiera inserire le offerte (qui un’ottimo articolo di approfondimento)
  7. Incentivare le recensioni da parte dei clienti
  8. Monitorare i risultati e manutenere la propria scheda con adeguate strategie di Local Marketing

Per saperne di più si può consultare la guida completa a Google Places.

1 commento

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] già trattato l’importanza di promuovere la propria attività con Google Places ed esser presenti, gratuitamente, sulle mappe di […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *