blog_social

I Social Network più diffusi

blog_social

Se ai tempi di MySpace e del suo predecessore Friendster era sempre necessario trovarsi di fronte ad un computer, oggi, con tablet e smartphone sempre a portata di mano, i social network sono entrati a far parte della vita quotidiana.

C’è chi si è fatto totalmente assorbire da questi nuovi strumenti a tal punto da chiamare in causa la dipendenza e chi invece riesce ad utilizzarli funzionalmente ai propri scopi, siano essi legati al divertimento o al business.

I social che sono stati creati sono tantissimi. Ma quali sono quelli più diffusi?

Facebook

blog_facebook

Il social network di Mark Zuckerberg, nato come un semplice sito web per studenti di un college, oggi non ha rivali in termini di utenti attivi (2 miliardi al mese, secondo un recente sondaggio) e non ha certo bisogno di presentazioni.

Facebook ti permette di interagire con i tuoi amici o conoscerne di nuovi, pubblicare foto, video e pensieri, gestire eventi e amministrare la pagina della tua attività, essere partecipi delle vite altrui.

Puoi scegliere chi seguire e con chi condividere i tuoi “post”.

C’è poi una parte di Facebook legata al business, che ti consente di impostare vere e proprie campagne pubblicitarie attraverso le sponsorizzazioni delle pubblicazioni.

Ci sono altri strumenti da usare a fini commerciali che hanno dato vita a nuove figure professionali, specializzate in questo settore.

Se ami la vita social non puoi esimerti dal creare il tuo profilo Facebook.

YouTube

blog_youtube

Quando vuoi guardare un video sul web non hai dubbi: vai su YouTube.

E’ la piattaforma lanciata nel 2005 negli Stati Uniti che consente a chiunque di guardare i video pubblicati e agli utenti registrati di commentare ed esprimere preferenze.

Registrandosi ci si può iscrivere ai propri canali preferiti e caricare video gratuitamente in modo semplice e intuitivo.

Il suo successo è dimostrato dal fatto che abbiamo oggi una generazione di “youtuber”, ovvero personaggi divenuti celebri grazie a milioni di visualizzazioni sui propri canali.

Come guadagnano? grazie allo strumento di monetizzazione, più banalmente la pubblicità sui propri video.

Instagram

blog_logo_instagram

Nato nel 2010, si è imposto come social media numero uno per la condivisione di foto e video grazie alla sua semplicità.

Il suo piccolo editor fotografico permette di applicare filtri, migliorare e personalizzare le proprie immagini rendendole “cool”.

Il successo di Instagram, con più di 800 milioni di utenti attivi nel mondo, è arrivato grazie alla risposta di una necessità: condividere il proprio momento istantaneamente.

Hai l’occhio giusto e sai cogliere il momento? Instagram fa pere te!

Twitter

blog_logo_tiwtter

Più che un social network vero e proprio lo si può considerare come un servizio di microblogging.

Twitter è un network che si basa sullo scambio di messaggi brevi, in questo caso chiamati “tweet” (cinguettio), con un limite di 140 caratteri.

Mentre i personaggi conosciuti si sbizzarriscono, le persone comuni pare non riescano a trovare nel social di Jack Dorsey molta soddisfazione, a causa delle scarse interazioni che genera.

Secondo alcuni è destinato a morire molto presto in quanto, stando alle statistiche, 6 link su 10 non vengono cliccati e la crescita degli utenti è poco superiore allo zero.

Quando decidi di aprirti il tuo account su Twitter devi prepararti alla condivisione quotidiana e ad un’interazione ossessiva, diversamente, accontentati di leggere i tweet delle star.

Linkedin

blog_linkedin

Con 500 milioni di utenti superati, è il social network per professionisti più importante al mondo.

Linkedin permette ai suoi membri avere una pagina personale con tutte le informazioni legate alla propria esperienza lavorativa.

Ti permette di creare così delle connessioni con altri professionisti del settore per avere opportunità lavorative.

E’ ideale anche per pubblicare articoli, dare informazioni e promuovere eventi inerenti ad un determinato settore professionale.

Google +

blog_logo_google+

Non poteva certo esimersi Google dal creare il proprio social network, strettamente collegato a YouTube, che prende alcuni elementi da Facebook e altri da Twitter.

Per alcuni considerato ancora ibrido e non finito, è stato molto criticato dagli esperti e non particolarmente apprezzato dagli utenti comuni che si sentono poco coinvolti.

I punti di forza di Google + sono sicuramente le Community, spazi virtuali dedicati ad un argomento specifico e gli Hangout, che permettono agli utenti di dialogare e interfacciarsi utilizzando qualsiasi dispositivo.

Pinterest

blog_logo_pinterest

Il social network che accomuna gli utenti per interessi.

Si tratta di una bacheca virtuale che permette agli utenti di fare un “pin” (puntina) e raccogliere le immagini dal web in un unico posto, ovvero il tuo profilo Pinterest, e poter classificare immagini, aggiungere descrizioni e commenti.

Oggi si contano più di 150 milioni di “pinner” e a quanto pare, l’80% degli utenti attivi è rappresentato da donne.

Ideale per i creativi con uno spiccato spirito di osservazione.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *