Come funziona Instagram?

instagram_logo

Instagram tira fuori il fotografo nascosto in tutti noi!

Instagram è un social network di photo sharing che permette la condivisione immediata delle fotografie realizzate con gli smarthphone.

Se negli anni ’80 c’erano le polaroid che permettevano di mostrare uno scatto in tempo (quasi) reale, oggi con questa applicazione condividiamo i nostri scatti con tutto il mondo in tempo zero.

L’interfaccia di Instagram è semplice ed intuitiva. Innanzitutto bisogna scaricare gratuitamente la App dal Play Store o dall’Apple Store a seconda del device su cui sarà utilizzata.

Catturata l’immagine è possibile geotaggarla, utilizzare una serie di filtri e personalizzare l’immagine con un tocco artistico, aggiustando luci e contrasti, nitidezza e saturazione.

E’ possibile inserire descrizioni, commenti alle foto, like e menzionare persone per poi decidere su quali social network pubblicare la foto in tempo reale Fatto questo la foto è condivisa. Si può scegliere se rendere il proprio profilo pubblico, quindi visibile a tutti oppure privato, rendendo le foto accessibili solo ai nostri follower.

Vediamo nel dettaglio come funziona.

Esempio di come cambia un'immagine lavorata con i filtri  messi a disposizione da Instagram

Esempio di come cambia un’immagine lavorata con i filtri messi a disposizione da Instagram

Hashtag , Follow, Post

Ecco i termini più comuni che hanno a che fare con Instagram e con molti altri social network così da familiarizzare subito con essi:

  • Follower: le persone che ci seguono
  • Following: le persone che seguiamo
  • Post: le immagini pubblicate o i video (eh sì, Instagram permette di caricare anche video fino a 15 secondi)
  • Like: apprezzamento dato e/o ricevuto ad una determinata immagine. In italiano è il classico Mi Piace
  • Tag o Hastag: etichetta che viene inserita nei commenti delle foto caricate per categorizzarle, preceduta dal simbolo cancelletto (#)

Questo punto potrebbe sembrare un po’ complicato, vediamo di chiarirlo subito con un esempio.

Se pubblico la foto di un tartufo e inserisco nella descrizione l’hashtag #tartufo come singola parola o all’interno di una frase avrò:

Ho partecipato alla ricerca simulata del #tartufo ad Alba

Basterà cliccare  sull’hastag stesso e troverò una galleria di immagini pertinenti alla parola tartufo: foto di tartufi, immagini di cani da tartufo, momenti dell’omonima fiera albese e via dicendo.

Per un uso corretto dei tag

Perché i tag sono utili? Innanzitutto servono ad aumentare la popolarità di una foto o di un marchio aziendale.

Se non mettessi alcun tag la foto risulterebbe visibile solo ai mie follower. Allo stesso tempo è importante sceglierli con cura. Molti scelgono di riempire di tag le loro immagini. Questo rende sicuramente l’immagine spalmata su più contesti, ma allo stesso tempo si rischia di collocarla laddove l’immagine non suscita interesse o è poco pertinente.

Fermo restando che ad oggi Instagram pone come limite 30 tag si consiglia di usarne al massimo una decina e ristretti al contesto dell’immagine.

Torniamo all’esempio del tartufo: pubblico la mia immagine e posso inserire tag quali:

#food#langhe#tartufo#fieradeltartufo#truffle#piemonte#cuneo…Insomma tutti tag pertinenti!

Hastag

Tag dedicati…Per esempio il tag speciale #lovetartufo14

Spesso per concorsi fotografici, attività, iniziative vengono creati degli appositi tag dedicati.
E’ il caso del concorso Lovelanghe che premierà lo scatto più rappresentativo (a nostro giudizio!) dell’edizione 2014 della Fiera del Tartufo di Alba.
Se sei in ad Alba o nelle Langhe nelle settimane della Fiera sbizzarrisciti con il tuo smartphone e la tua creatività taggando i tuoi scatti con #lovetartufo14 e #lovelanghe. Qui troverai il link al concorso:

http://langhe.net/8560/concorso-tartufo14/

Tanto ormai è tutto chiaro su cosa devi fare con il tuo smartphone, no?

Meglio poche…Ma buone

Una volta entrato nel mondo degli Instagrammers è bene tenere a mente alcuni consigli:

  1. Meglio poche ma buone: cura le tue immagini senza avere fretta di caricarne immediatamente una quantità spropositata
  2. Diventa social: condividi, rispondi ai commenti e ai like con altrettanta generosità
  3. Sii costante: pubblica se possibile con regolarità (senza che diventi un lavoro). L’importante è non esagerare: non più di tre foto nelle 24 ore
  4. Partecipa ai concorsi ed ai contest fotografici per aumentare la tua popolarità

Un occhio alle statistiche

Iconosquare

Tutto è monitorabile con Instagram!
Questa parte dell’articolo interesserà maggiormente due tipologie di persone:

  1. I maniaci di Instagram
  2.  Chi usa Instagram come strumento di business o gestisce un profilo aziendale

Esistono degli strumenti molto utili per tenere traccia delle pubblicazioni, visualizzare le panoramiche di traffico, i commenti ed i like individuando in questo modo il rendimento del vostro profilo nel tempo ed i risultati ottenuti, riuscendo a pianificare la pubblicazione dei post individuando ottenendo così più like e commenti.

Uno degli strumenti che fa tutto ciò, utile, gratuito e divertente da utilizzare è Iconosquare cui si accede direttamente dal link:

http://iconosquare.com/

Una volta raggiunto il sito basterà inserire le tue credenziali di accesso per collegare gli account ed il gioco è fatto.

La prossima volta parleremo ancora di Instagram, ma nello specifico di quali sono i vantaggi che può portare ad un’Azienda se usato correttamente.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *