Cos’è il marketing esperienziale (e come sfruttarlo per la propria attività)

Questo articolo si focalizza su una tecnica di marketing definita “esperienziale”, la quale è diventata un valido strumento per differenziare e diffondere la propria attività commerciale e produttiva, soprattutto se la si promuove attraverso il web.

Ma esattamente, che cos’è il Marketing Esperienziale?

Per rispondere in modo sintetico si può affermare che esso, rientrando nel più ampio concetto di “Marketing non convezionale”, prevede di concentrare l’attenzione sul consumatore, fornendogli non solo prodotti, ma vere e proprie esperienze di consumo.

Tali esperienze vengono offerte dai produttori, o dai detentori di un marchio, al fine di coinvolgere il consumatore stimolandolo attraverso elementi sensoriali, cognitivi, emozionali e comportamentali.

Volendo tradurre questi concetti in un discorso più concreto, si può richiamare l’articolo relativo all’Enoturismo in cui si afferma che l’attuale turista, soprattutto in Italia, cerca esperienze culturali legate all’accoglienza e al territorio, passando attraverso i prodotti che esso offre. Tale tendenza pertanto richiede alle aziende vitivinicole e alle strutture ricettive del territorio, di creare occasioni “di esperienza”, che accompagnino la vendita.

Le degustazioni, le visite guidate, le cene a tema e altre azioni finalizzate a regalare un’esperienza assicurano:

  • buona reputazione
  • buon ricordo
  • tendenza all’acquisto
  • propensione ad un ritorno nel medesimo luogo in cui si è effettuata l’esperienza

Non è un caso che il portale Piemonte Eventi abbia un canale dedicato al Wine & Food con migliaia di pagine visualizzate ogni anno, all’interno del quale sono ospitate le iniziative volte ad offrire esperienze ai consumatori da parte di aziende e strutture ricettive.

E’ estremamente importante infatti divulgare tali offerte online attraverso un sistema tecnologicamente organizzato così da intercettare un vasto pubblico, sia italiano che estero, ed il team di LangheNet è perfettamente in grado di rispondere a tali esigenze attraverso il suo network.

Per avere ulteriori informazioni e supporto tencnico, non esitate a contattarci!

Nota

Per approfondimenti tecnici e teorici su tale tema si rimanda al sito dell’AISM e al volume di Bernard Cova, Alex Giordano, Mirko Pallera, Marketing non-convezionale. Viral, guerrilla, tribal e i 10 principi fondamentali del marketing postmoderno, Il Sole 24 Ore, 2007.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *